Flash Mob #ovunquelodesideri 11 febbraio 2017: le foto

Su richiesta delle mamme partecipanti, che il GAAM ringrazia di cuore per la partecipazione, pubblichiamo le foto scattate al Flash Mob tenutosi l’11 febbraio in Corso Alberto Pio.

Per motivi legati allo spazio su web abbiamo ridotto la dimensione di quelle più grandi, ma le protagoniste se desiderano avere i propri scatti in alta definizione possono richiederlo ad Annalisa (annalisa.gaam@gmail.com) indicando il numero della/e foto desiderata/e.

Grazie ancora a tutte quante!!

Le mamme del GAAM

Foto 1 Foto 18

Foto 31

 Foto 2 Foto 4 Foto 5
Foto 6

Foto 7

Foto 8

Foto 9

Foto 10

Foto 11

Foto 12

Foto 13

Foto 14

Foto 15

Foto 16

Foto 17

Foto 19

Foto 3

N.B. tutte le foto presenti NON possono essere utilizzate a fini commerciali, ma per la sola promozione dell’allattamento, dandone comunicazione al GAAM (infogaam@gmail.com)

Foto 20
© Valeria Cammarota

 Foto 21
© Valeria Cammarota

Foto 22
© Valeria Cammarota

Foto 23
© Valeria Cammarota

Foto 24
© Valeria Cammarota

Foto 28
© Valeria Cammarota

Foto 25
© Valeria Cammarota

Foto 26
© Valeria Cammarota

Foto 27
© Valeria Cammarota

Foto 29

Foto 30

Foto 32

Foto 33

Foto 34

Foto 35

 

#ovunquelodesideri – anche a Carpi il flash mob per il diritto di allattare nei luoghi pubblici

I recenti casi di mamme allontanate da luoghi pubblici (bar, ristoranti, musei, poste…) perché allattavano i loro bambini ha portato all’iniziativa di un FLASH MOB IN CONTEMPORANEA NAZIONALE. A questo link le motivazioni nel dettaglio.

A Carpi invitiamo tutte le mamme coi loro cuccioli a ritrovarci sabato 11 febbraio alle 16.40 davanti al Comune, per poi distribuirci lungo Corso Alberto Pio ad allattare per rivendicare il diritto di ogni piccolo ad essere sfamato #ovunquelodesideri!

QUI L’EVENTO SU FACEBOOK.

Invitiamo tutti, anche papà e nonni, a firmare anche la petizione on line perché in Italia questo diritto sia sancito anche dalla Legge! https://www.change.org/p/governo-italiano-allattamento-è-ovunque-lo-desideri

Passate parola!!

 

FACILITIAMOCI! Un laboratorio sull’ABC della facilitazione

Anche se questo incontro formativo non riguarda l’allattamento o la maternità, lo divulghiamo in caso interessi qualcuna di voi:

Carpi e Campogalliano in Transizione hanno organizzato un laboratorio pratico sulla facilitazione nei gruppi con Deborah Rim Moiso, una delle autrici del manuale + carte-gioco “Facilitiamoci!” appena pubblicato dalle edizioni la meridiana.

Il laboratorio fa parte del crowdfunding del progetto di pubblicazione del manuale + carte, di cui potete leggere qui, ed è rivolto a chiunque viva una realtà associativa e/o di lavoro di equipe/gruppo.

Si terrà sabato 16 aprile 2016 al pomeriggio e domenica 17 alla mattina nei locali dell’associazione Sorgente di Vita, via D.Dallai, 38 a Carpi.

Si parlerà di:

  • cos’è la facilitazione
  • gestire una riunione: accordi di base, ruoli, orari
  • al cuore di un progetto: l’ascolto profondo
  • aprire lo spazio: semplici metodologie per raccogliere le idee
  • appunti sul conflitto e le dinamiche di gruppo
  • come stiamo andando? l’importanza del feedback
  • tenere alta l’energia celebrando ogni passo

Il laboratorio è a numero chiuso e sarà richiesto un contributo per le spese. Per informazioni e iscrizioni mandare una mail a carpitransizione@gmail.com o chiamare il 329-1144042 dopo le ore 17.

Più siamo… più bello e arricchente sarà! Passate parola:-)

Sabato 12 vieni a trovarci in piazza al Mercatino del riuso!

Carissime MaPuliamo il mondo 12-9-15mme,

sabato 12 settembre dalle 15 le mamme del GAAM saranno presenti con un loro banchetto al Mercatino del Riuso che si terrà all’interno dell’iniziativa “Puliamo il mondo” (clicca sull’immagine a fianco per ingrandirla e vedere di cosa si tratta).

Nel nostro banchetto troverete vestititini, scarpe, giocattoli e accessori per la prima infanzia (sdraiette, palestrine, anche un box!) che le mamme dell’associazione rivendono; il ricavato andrà a sostenere le attività del GAAM e soprattutto tanti oggetti ancora in buono/ottimo stato potranno essere utili ad altri bambini!

Ringraziamo sia le mamme che ci hanno donato vestiti e accessori, sia gli organizzatori del mercatino.

Vi aspettiamo numerose!

Un questionario per aiutare i genitori colpiti da lutto perinatale

monumento-al-bambino-mai-natoRiceviamo e, condividendo l’importanza della ricerca in questo campo, condividiamo:

Mi chiamo Giulia Beccari, sono una studentessa al terzo anno del Corso di Laurea in Ostetricia presso l’Università di Modena e Reggio Emilia. Sto scrivendo la mia tesi di laurea e l’argomento che ho scelto di affrontare è la morte fetale endouterina; è una questione di cui si parla poco ed è per questo che ho deciso di approfondire questo tema così delicato.
La mia tesi si concentrerà sull’assistenza alla coppia che vive la perdita del proprio bambino e in particolare sul ruolo dell’ostetrica, decisivo per un corretto avviamento del fisiologico processo del lutto.
Lo scopo della mia tesi è capire se ci sono stati momenti, persone, comportamenti che sono stati d’aiuto e al contrario se ce ne sono stati altri inutili o addirittura dannosi; se ci sono state cose che a posteriori la madre avrebbe voluto venissero gestite diversamente, altre che avrebbe voluto e che invece non sono state fatte, o che non sono state proposte. A tal proposito ho elaborato un questionario da sottoporre ai genitori che hanno vissuto la perdita del proprio bambino e mi è stato gentilmente concesso di pubblicarlo anche su questo sito.
Le domande riguardano perlopiù il periodo del ricovero in ospedale, dal momento della diagnosi infausta fino alla dimissione e al rientro a casa. Per me sarebbe molto importante capire come è stata vissuta questa fase, in modo da poter eventualmente proporre dei punti utili a potenziare l’assistenza alle coppie che subiscono una morte fetale endouterina. Il vostro aiuto è prezioso, perciò chi fosse disposto a compilare il questionario lo può trovare a questo link https://docs.google.com/forms/d/1pKxfl6rpPmVu1fc-lE8tBxRouXXeWGOR8LmLpZbAc38/edit# .
Si può compilare direttamente on line, le risposte verranno memorizzate automaticamente e saranno registrate in maniera anonima. Sono disponibile in caso di dubbi o domande sulla compilazione al seguente indirizzo e mail giuliabeccari.unimore@gmail.com .
Ringrazio in anticipo per la disponibilità chi compilerà il questionario.
Giulia Beccari

Una piccola ASTA DI BENEFICENZA per sostenere il G.A.A.M.

astaCare Mamme,

per autofinnziarci abbiamo avuto un’idea: mettiamo all’asta alcuni vestitini, in ottimo stato, che in negozio sono stati acquistati per cifre piuttosto alte. Essendo un esperimento, abbiamo iniziato con un piccolo lotto di vestiti da bimba, taglie 6-9-12 mesi.

Come funziona?

  1. Se sei interessata manda una mail a annalisa.gaam@gmail.com, e Annalisa ti manderà un file in pdf con le foto e descrizioni dei vari pezzi, incluso il prezzo base per ogni capo.
  2. Fai la tua offerta, sempre via mail, entro giovedì 8 maggio sera. L’offerta deve specificare il massimo prezzo che si è disposti a pagare, e non è detto che si raggiunga: se non ci sono offerte concorrenti, il capo è assegnato al prezzo base. Se ci sono offerte concorrenti, il capo è assegnato al miglior offerente ma al prezzo del secondo concorrente + 50€cent (es: offerta 1 max 10 €, offerta 2 max 15 €: vince il 2 e paga 10,50 €).
  3. Nella giornata di venerdì, in base alle mail arrivate, Annalisa assegnerà i capi alle migliori offerenti e confermerà a ciascuna, sempre via mail, le assegnazioni e i prezzi effettivi.
  4. Sabato 9 maggio dalle 9.30 alle 12 (durante l’incontro sul sonno) è possibile ritirare la roba presso la Casa del Volontariato in via Peruzzi, 22 a Carpi. E’ possibile accordarsi per il ritiro in un momento diverso nella settimana successiva. E’ anche possibile, se la roba non corrispondesse alle proprie aspettative una volta vista coi propri occhi, recedere dall’offerta. Il G.A.A.M. emetterà ricevuta per la donazione ricevuta, in caso di importi di una certa entità ci si può accordare per un pagamento tramite bonifico o bollettino postale, in modo da potere scaricare la donazione nella propria dichiarazione dei redditi.

PARTECIPA ANCHE TU, E PASSA PAROLA ALLE AMICHE A CUI POTREBBE INTERESSARE!

Il GAAM forma nuove mamme, ecco GRAZIE a chi :-)

Il corso di formazione organizzato per il 15-16-17 maggio e 27 settembre 2015 (qui il programma) ha avuto le adesioni necessarie per partire, anzi c’è anche una piccola lista d’attesa.

A questo corso parteciperanno mamme di Carpi, di Modena, dei dintorni in provincia di Reggio Emilia, di Cavezzo-Mirandola, e anche da più lontano. La formazione per le mamme dell’associazione è offerta dal GAAM, e dunque non ci sarà una copertura economica totale del corso: il GAAM ha stanziato una cifra dal suo magro bilancio a questo scopo, perché lo ritiene un investimento importante.

Perciò ringraziamo di cuore chi ci permette di fare questo passo senza raschiare il fondo del nostro barile 🙂 e cioè:

  • la Fondazione CaAppunti Windows-1ssa di Risparmio di Carpi e la Fondazione Casa del Volontariato, che concedono gratuitamente la sala e gli ausilii didattici per il corso
    g
    g
  • IMG-20150319-WA0002l’insegnante di massaggio infantile con formazione AIMI Lella Luppi, insieme alle mamme che hanno partecipato nelle scorse settimane alle sue lezioni, che hanno devoluto al GAAM il costo del corso di massaggio.

A loro e alle mamme che si formeranno va il nostro grazie, rimetteremo in circolo questi doni aiutando con più energie le mamme del territorio!

Lettera aperta alla Presidente della Federazione Nazionale dei Collegi delle Ostetriche

Gent.ma dott.ssa Maria Vicario
Presidente della Federazione Nazionale dei Collegi delle Ostetriche

Riceve questo scritto da parte di un coordinamento di gruppi di mamme che sostengono altre mamme nell’allattamento e nella maternità.

Desideriamo esprimerle il nostro disappunto a proposito del prossimo programma dell’emittente Real Time, ‘Quando nasce una mamma’, una sorta di reality, sponsorizzato da una nota ditta produttrice di ciucci e biberon, che ha per protagoniste tre ostetriche nel loro accompagnare otto donne “nel duro ed entusiasmante periodo del post partum”.

ostetrica_chiccoNella pubblicità del reality, le immagini che accompagnano la descrizione delle professioniste le propongono serenamente ritratte con un bel biberon accostato ad uno smagliante sorriso.

Come donne e mamme alla pari, che si dedicano ad aiutare altre donne, non possiamo non provare una triste sensazione di tradimento ed abbandono.

Non è forse l’ostetrica quella figura che dovrebbe accudire ed accompagnare amorevolmente una donna durante il periodo più bello e stravolgente della sua vita?
Non dovrebbe, forse, essere quella delicata ma costante presenza che protegge ed accudisce la diade mamma-bambino e che trasmette alle donne l’antico sapere e l’ancestrale consapevolezza delle donne?
Non dovrebbe essere prima professionista, tra tutte, a proteggere e promuovere il più intimo contatto di amore e nutrizione quale è l’allattamento? E infatti molte di noi conoscono ostetriche così, “angeli custodi” del periodo perinatale, preziose alleate di noi mamme.

Abbiamo appreso con gioia e senza stupore l’inserimento nel vostro codice deontologico del rispetto del Codice sulla commercializzazione dei sostituti del latte materno, e ora saremmo molto deluse nel non vedere una presa di posizione chiara nei confronti di questa trasmissione e delle sue protagoniste.
Noi donne vi vogliamo fortemente al nostro fianco purché competenti, libere e non offuscate dal marketing.

Roberta Brucoli ed Erika Antoniazzi per il coordinamento gruppi mamme a sostegno dell’allattamento:

Latte+Amore=Mammamia – BARI

QUI MAMMA CI COVA – Valdagno (VICENZA)

Professione mamma – Castel Grandolfo (ROMA)

Gruppo maternage Le Balate – PALERMO

Casa delle mamme – BELLUNO

Pronto Mamy – VALLE D’AOSTA

Il rifugio del pancione – PORDENONE

Le mamme di Peter Pan – Villafranca Tirrena (MESSINA)

Non parto di testa – SAVONA

Associazione Abbracciami – VIAREGGIO

Coccola di Mamma – Santorso (VICENZA)

Gruppo alla pari dell’associazione L’arte di crescere – PALERMO

Specialmente mamma – Robegano di Salzano (VENEZIA)

Mammachemamme – COSENZA

GAAM – Gruppo Aiuto Allattamento Materno – Carpi (MODENA)

Mamme per le Mamme – MODENA

Amaltea – Albinea (REGGIO EMILIA)

Il giardino della salute – PERUGIA

Allattiamolo – FERRARA

Tempo delle mamme – Feltre (BELLUNO)

La goccia magica – Genzano di Roma (Roma)

coordinamentomamme@gmail.com

Partecipa alla indagine mondiale sulla morte in utero per genitori e operatori

Riceviamo e diffondiamo per chi voglia partecipare:

CIAOLAPO-LANCETCiaoLapo Onlus, da sempre membro dell’International Stillbirth Alliance, partecipa per l’Italia alla nuova indagine mondiale sulla morte in utero i cui risultati saranno pubblicati su un numero speciale della nota rivista medica The Lancet.
Chiediamo la partecipazione numerosa di genitori, familiari, operatori e comuni cittadini per rompere il silenzio su questo problema anche nel nostro paese e per sensibilizzare l’opinione pubblica e la sanità con dati attendibili e significativi sul lutto perinatale.

INDAGINE PER I GENITORI

Se sei un genitore colpito da morte in utero clicca qui: indagine genitori

INDAGINE PER GLI OPERATORI

Se sei un operatore della salute perinatale clicca qui: indagine operatori

INDAGINE PER I MEMBRI DELLA COMUNITÀ

Se sei un parente, familiare, amico o conoscente di un genitore colpito da morte in utero (o semplicemente un membro della comunità sensibile al problema e che vuole esprimere la sua opinione in proposito) clicca qui: indagine comunità

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ

Aderisci anche tu al Manifesto della Coalizione italiana per l’alimentazione dei neonati e dei bambini!

CIANB- logoTagliatoLowCare Mamme, Papà, Operatori della salute,

il GAAM ha aderito al Manifesto della neonata CIANB, Coalizione italiana per l’alimentazione dei neonati e dei bambini, e invita tutti voi a fare altrettanto!

La CIANB nasce su invito dell’Associazione Culturale Pediatri, che ha coinvolto altri soggetti che nel nostro Paese si occupano di allattamento e alimentazione infantile, sia a livello professionale che come organizzazioni di volontariato. Un denominatore comune di queste associazioni è l’indipendenza da interessi commerciali, importantissima anche alla luce dei recenti arresti di pediatri per presunta corruzione da parte di produttori di formula artificiale.

Cosa proclama il Manifesto della CIANB?

  • L’allattamento sin dalla nascita è un diritto dei neonati e delle loro madri; l’allattamento va sostenuto in tutte le fasi del percorso nascita.
  • I bambini e i loro genitori hanno diritto a una nutrizione adeguata e ad alimenti sani e nutrienti per godere del miglior stato di salute possibile.
  • I genitori devono ricevere informazioni scientificamente corrette e indipendenti da interessi commerciali in modo da potere assumere decisioni consapevoli riguardo la nutrizione dei loro bambini.
  • Nella loro formazione curriculare, gli operatori sanitari devono essere formati e preparati a proteggere, promuovere e sostenere l’allattamento e l’avvio dell’alimentazione complementare con pratiche alimentari salutari e con appropriate tecniche di counseling. Per gli operatori che non hanno ricevuto questa formazione, devono essere realizzati corsi in linea con le raccomandazioni nazionali.
  • Una rete efficace di sostegno non può prescindere dal coinvolgimento di risorse esterne al Sistema Sanitario Nazionale che lavorano efficacemente nella promozione e nel sostegno dell’allattamento (consulenti professionali in allattamento, gruppi di sostegno alla pari…)
  • Le politiche di difesa dei consumatori dal marketing vanno rinforzate attraverso l’applicazione delle norme vigenti e mediante una revisione dell’attuale DL 82/2009, adeguandolo al Codice Internazionale.
  • Le sponsorizzazioni (collettive e individuali) ai convegni degli operatori sanitari da parte delle industrie di alimenti per bambini devono essere effettivamente impedite, così come tutte le altre forme di marketing sia attraverso il servizio sanitario che anche in altri ambiti (ad es. manifestazioni o eventi pubblici).
  • Le associazioni scientifiche e professionali devono garantire che l’aggiornamento dei loro affiliati sia indipendente dagli interessi commerciali dalle industrie di alimenti per bambini.
  • Deve essere garantito per le donne lavoratrici il diritto a continuare l’allattamento anche dopo il rientro al lavoro attraverso specifiche politiche di sostegno.
  • Le madri devono sentirsi accolte e devono potere allattare senza pregiudizi e difficoltà in ogni luogo.
  • In accordo con la Campagna Nazionale per la difesa del latte materno dai contaminanti ambientali, i Ministeri per lo sviluppo economico, per le politiche agricole alimentari e forestali e per l’ambiente e tutela del territorio devono mettere in atto tutte le misure necessarie alla protezione degli alimenti da residui chimici ambientali e tossine, in modo che la preparazione e la somministrazione dei cibi locali possa avvenire in maniera sicura.

LEGGI TUTTO IL MANIFESTO E FIRMALO ANCHE TU!